+39 051 6951379

Cometa Tempel-1 immortalata dalla sonda Deep Impact

Nel luglio del 2005 la NASA riuscì nell’impresa, apparentemente fantascientifica, di avvicinare la sonda Deep Impactalla cometa Tempel-1 tentando poi di risvegliarne l’attività lanciandole contro un missile. Dallo scontro venne prodotto un impressionate squarcio superficiale da cui uscì una grande quantità di acqua e di molecole a base di carbonio, una delle molecole fondamentali per la vita, supportando l’ipotesi che le comete siano ricche di questi materiali, non solo in superficie ma anche nel loro cuore. Terminata questa operazione la Tempel-1 venne dirottata verso una seconda cometa, la Hartley-2, mostrando caratteristiche stupefacenti.

Questa spettacolare immagine della cometa Tempel-1 è stata scattata 67 secondi dopo l’impatto del missile lanciato dalla sonda Deep Impact. La luce diffusa dalla collisione ha saturato il rilevatore della telecamera, creando lo spruzzo luminoso qui visibile. Raggi di luce lineari si irradiano lontano dal sito dell’impatto, mentre la luce solare riflessa illumina la maggior parte della superficie della cometa. L’immagine rivela caratteristiche della superficie, tra cui creste, bordi e forse crateri da impatto formatisi molto tempo fa.