+39 051 6951379

Stelle cadenti

Sin dalla metà dell’800 è noto che le stelle cadenti altro non sono che piccoli frammenti che le comete lasciano durante il loro moto verso il Sole e che la Terra intercetta a intervalli periodici. Ci sono però alcune piogge meteoriche che diventano a volte vere e proprie “tempeste”. Il caso più famoso è quello che coinvolge ogni 33 anni circa le Leonidi di metà novembre, avendo queste leggendarie meteore novembrine prodotto nel 1966 sui cieli dell’Arizona qualcosa come 100 mila meteore in una notte.

In queste stampe si vede la tempesta delle Leonidi del 13 novembre 1833 alle cascate del Niagara e sui cieli del New England.

Ci sono migliaia di comete che vengono disintegrate e fagocitate dal Sole e dai pianeti maggiori. Una delle più famose comete “in frantumi” è stata la Shoemaker-Levy 9 che nel luglio del 1994 venne catturata dalla gravità gioviana e disgregata in 22 frammenti che poi cascarono su Giove con effetti devastanti, pari a circa 600 volte l’intero arsenale atomico terrestre. In particolare questa disgregazione fu osservata dal Radiotelescopio di Medicina che per primo al mondo osservò, all’interno di uno di questi frammenti, tracce di acqua sottolineando l’importanza che questi oggetti potrebbero aver avuto nello sviluppo della vita sul nostro pianeta.