+39 051 6951379

La Festa del Crocifisso in streaming online

La Chiesa del Crocifisso è uno dei più bei monumenti di Castel San Pietro: posto nel centro della città, con linee architettoniche solenni e armoniose, affiancato da uno splendido campanile che dà bellezza maestosa a tutto il complesso architettonico. Dal 1629, ogni quinta domenica di Quaresima, si tiene nel santuario la Festa del Crocifisso che ogni anno richiama migliaia di fedeli. Quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria in atto, la parrocchia ha deciso di trasmettere la cerimonia in streaming sulla pagina YouTube “Parrocchia Santa Maria Maggiore Castel San Pietro Terme”: https://www.youtube.com/channel/UCK9nx_YX0jabMQ__LU-uRIw

Di seguito qualche informazione sul Crocifisso e la la sua festa, dagli archivi della parrocchia.

Dalla metà del 1700 il Santuario del Crocifisso è al centro della vita della città, cuore pulsante della comunità cristiana e civile, custode di quella immagine del Crocifisso che dalla fine del 1500 è stata donata alla parrocchia e da allora è oggetto di preghiera e venerazione. Di questa immagine si parla già nelle cronache di Castel San Pietro nel 1543: fu donato alla “Compagnia del Santissimo”. All’inizio fu ospitata in un piccolo oratorio, vicino alla chiesa parrocchiale, poi per darvi una più degna collocazione fu costruita la Chiesa del Crocifisso proprio per ospitare la venerata immagine. Fin dal 1629 l’immagine del Crocifisso veniva portata in solenne processione nella 5° Domenica di Quaresima; questa processione, la più partecipata di tutto l’anno, ha continuato ininterrottamente fino ad oggi, sempre nella stessa Domenica.

Nel 1708 iniziarono i pellegrinaggi a Loreto portando l’immagine del Crocifisso; il primo è così descritto:
“…ai 21 di aprile del detto anno trentasei Confratelli del Santissimo per la prima volta intrapresero il Pellegrinaggio a Loreto -a piedi- col loro venerabile Crocifisso chiuso in una apposita cassa… dopo 13 giorni i pellegrini fecero ritorno”. Si trattò di una pellegrinaggio penitenziale per ottenere la guarigione dalla peste che allora infieriva nelle zone.